Il ritardante di fiamma è uguale a non infiammabile? Qual è il concetto di ritardante di fiamma?

Moltipersonechi non comprende il ritardante di fiamma avrà questo concetto: il ritardante di fiamma è di rendere il materiale non combustibile. Infatti, questo non è il caso. Il ritardante di fiamma è il processo di prevenzione o inibizione della velocità dei cambiamenti fisici o chimici nel processo di combustione dei materiali polimerici.

u=197516087,831104554&fm=26&gp=0

Il ritardante di fiamma in plastica viene diviso in gradi e il grado di ritardante di fiamma in plastica viene gradualmente aumentato da HB, V-2, da V-1 a V-0 e i gradi di ritardante di fiamma più elevati rispetto al grado V-0 sono 5 V , 5 VB, 5 VA.

Non è' t maggiore è il grado ignifugo, meglio è? In generale, la gente la penserà così e spera di raggiungere il più alto livello di ritardante di fiamma. Ma la situazione attuale non è quella che vuoi. Prima di tutto, i metodi di prova ritardanti di fiamma esistenti hanno dei limiti e anche le conclusioni ottenute sono relative. Inoltre, in alcune condizioni di applicazione, le materie plastiche con qualità ritardanti di fiamma sono migliori

Ad esempio, in alcuni prodotti elettrici, il materiale deve avere resistenza all'accensione dell'arco. In questo caso, se viene utilizzata una plastica di grado V-2, sarà meglio di una plastica di grado V-0.

perché?

Questo perché la plastica di grado V-2 non formerà elettricità e diventerà cotta sotto l'azione dell'elettricità, riducendo così la possibilità di incendio, ma la plastica di grado V-0 ha la possibilità di incendio. Pertanto, l'applicazione effettiva deve essere considerata in modo esaustivo.

Meccanismo ignifugo di materiali polimerici

La combustione dei polimeri è una reazione di ossidazione termica molto intensa e complessa, caratterizzata dall'emissione di fumo denso o fiamme ardenti.

Il processo generale di combustione è che, sotto il costante riscaldamento di una fonte di calore esterna, il polimero subisce dapprima una reazione di degradazione della catena dei radicali liberi con ossigeno nell'aria per produrre combustibili volatili, che si accendono e bruciano quando raggiunge una certa concentrazione e temperatura . Una parte del calore rilasciato fornisce il polimero degradante, che aggrava ulteriormente il suo degrado e produce gas più infiammabili. La fiamma si diffonderà rapidamente e causerà un incendio in breve tempo.

Il ritardante di fiamma esercita il suo effetto ritardante di fiamma attraverso diversi meccanismi, come effetto endotermico, effetto di copertura, inibizione della reazione a catena, effetto di soffocamento di gas non combustibile, ecc. La maggior parte dei ritardanti di fiamma raggiunge lo scopo del ritardante di fiamma attraverso una combinazione di meccanismi.

1. Assorbimento di calore

Il calore rilasciato durante il processo di riscaldamento riscalda le materie prime e raggiunge rapidamente il punto di accensione. Il principio di endotermico e ritardante di fiamma è che il materiale deve assorbire molto calore durante il processo di combustione, il che può ridurre il processo di riscaldamento del materiale, in modo che le molecole combustibili gassificate vengano incrinate È difficile per i radicali liberi raggiungere il punto di accensione, inibendo in tal modo la combustione fino a un certo punto.

Ad esempio, il meccanismo ignifugo di Al (OH) 3 ignifugo consiste nell'aumentare la capacità termica del polimero di assorbire più calore prima di raggiungere la temperatura di decomposizione termica, migliorando in tal modo le sue prestazioni ignifughe. Questo tipo di ritardante di fiamma esercita appieno le sue caratteristiche di assorbimento di una grande quantità di calore quando combinato con il vapore acqueo e migliora la propria capacità ignifuga.

2. Copertura

L'elevata temperatura generata quando il materiale brucia fa sì che il ritardante di fiamma formi uno strato di rivestimento in schiuma simile al vetro o stabile, che isola l'ossigeno. Questo non solo isola il calore e l'ossigeno, ma impedisce anche al gas combustibile di fuoriuscire all'esterno, ottenendo così lo scopo di ritardare la fiamma. I ritardanti di fiamma al fosfazene organico reticolano o formano uno strato carbonizzato quando riscaldati. Ciò può impedire al polimero di ulteriore pirolisi, d'altra parte, può impedire ai prodotti di decomposizione termica interna di entrare nella fase gassosa per partecipare alla combustione.

3. Inibizione della reazione a catena

Secondo la teoria della reazione a catena della combustione, sono necessari i radicali liberi per mantenere la combustione. Il ritardante di fiamma può agire sulla zona di combustione in fase gassosa per catturare i radicali liberi nella reazione di combustione, impedendo così la propagazione della fiamma, riducendo la densità della fiamma nella zona di combustione e infine riducendo la velocità di reazione di combustione fino al suo termine.

Come: ritardante di fiamma contenente alogeni, la sua temperatura di evaporazione e la temperatura di decomposizione del polimero sono uguali o simili, quando il polimero viene decomposto termicamente, anche il ritardante di fiamma si volatilizza allo stesso tempo. A questo punto, il ritardante di fiamma contenente alogeni e i prodotti di decomposizione termica si trovano contemporaneamente nella zona di combustione in fase gassosa e l'alogeno può catturare i radicali liberi nella reazione di combustione, impedendo così la propagazione della fiamma, riducendo la densità della fiamma nella zona di combustione e infine la riduzione della velocità di reazione alla combustione fino alla fine.

4. Soffocamento di gas non combustibile

Il ritardante di fiamma decompone il gas non combustibile quando riscaldato e diluisce la concentrazione di gas combustibile decomposto da combustibili al di sotto del limite di combustione inferiore. Allo stesso tempo, ha anche un effetto di diluizione sulla concentrazione di ossigeno nella zona di combustione, impedendo il proseguimento della combustione e ottenendo l'effetto di ritardare la fiamma.

Classificazione ignifuga

Secondo la relazione tra il ritardante di fiamma e il materiale ritardante di fiamma, i ritardanti di fiamma possono essere suddivisi in due categorie: additivo e reattivo. Il primo è solo fisicamente disperso nel substrato ed è utilizzato principalmente nei polimeri termoplastici. Quest'ultimo viene utilizzato principalmente come monomero o reagente ausiliario per partecipare alla reazione di sintesi del polimero e infine diventa un'unità strutturale del polimero, che viene utilizzato principalmente nei polimeri termoindurenti.

Secondo la classificazione degli elementi ritardanti di fiamma, i ritardanti di fiamma comunemente usati sono divisi in alogeno, fosforo, azoto e alogeno-fosforo, fosforo-azoto, antimonio, magnesio-alluminio, boro, silicio, molibdeno, ecc. Esiste anche una classe di ritardanti di fiamma intumescenti, la maggior parte dei quali composti di composti fosforo-azoto; e una sostanza nano-inorganica, principalmente silicato a strati; quest'ultimo può essere ritardante di fiamma con una serie di polimeri elevati / nanocompositi polimerici / inorganici.

Come scegliere ritardante di fiamma

Esistono molti tipi di ritardanti di fiamma e anche i loro effetti ritardanti di fiamma sono diversi. Diversi materiali polimerici hanno diversi ritardanti di fiamma, ma i requisiti di base sono gli stessi.

1. Elevata efficienza ignifuga ed elevato rapporto efficienza / prezzo;

2. I requisiti di protezione ecologica e ambientale sono severi, quindi dovrebbero avere le seguenti caratteristiche ecologiche e ambientali:

(1) Innocuo per persone, animali e piante;

(2) Difficile migrare;

(3) La quantità di gas tossici e corrosivi (inclusi fumo e polvere) rilasciati durante il cracking termico o la combustione dovrebbe essere ridotta;

(4) Facile da riciclare, nessun deterioramento o lieve deterioramento delle prestazioni dei prodotti di riciclaggio meccanico;

(5) Compatibile con l'ambiente.

3. Buona compatibilità con il substrato ignifugo;

4. Buona stabilità termica, la temperatura di decomposizione è preferibilmente tra 250 ~ 400 ;

5. Poca influenza sulle prestazioni di lavorazione e sulle proprietà meccaniche fisiche del substrato ignifugo;

6. Ha una certa stabilità alla luce;

7. La fonte di materie prime è sufficiente e il prezzo può essere accettato dagli utenti a valle.